identità

Identità

La Cooperativa Animazione Valdocco è una cooperativa sociale, una cooperativa di produzione e lavoro che si occupa di persone escluse e a rischio di esclusione dalla vita economica e sociale e dei territori.

Attività

Dal 1980 gestiamo servizi socio sanitari educativi, servizi animativi, servizi di inserimento lavorativo, servizi assistenziali,sia per conto di Comuni, Consorzi, Aziende Sanitarie, Comunità Europea, e sia in modo diretto.

Approfondimenti"

Dettagli

La cooperativa in numeri: un quadro completo e trasparente della quantità e della qualità di relazione tra l'impresa ed i gruppi di riferimento con i quali collaboriamo per il raggiungimento degli scopi sociali

sostienici

Sostienici

Siamo un’impresa sociale. Un’identità che è una sfida: puoi scegliere di sostenere la Cooperativa Animazione Valdocco secondo differenti modalità, anche segnalando uno specifico servizio, progetto o ambito di intervento.

Il video racconto del viaggio attraverso il mondo della disabilità motoria Dal 2 al 6 Marzo 2015 l'equipe del Centro Diurno AISM di Strada del Fortino, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, ha realizzato un workshop dal titolo "DESIGN FOR EACH ONE", finalizzato alla creazione di ausili volti a consentire una migliore qualità della vita ai pazienti affetti da disabilità, nonché di strumenti per lo svolgimento di piccoli e grandi gesti quotidiani.

Coordinati dal Prof. Cristian Campagnaro, Ricercatore in Design Assistant Professor in Design, undici studenti dell'Università di Torino hanno trascorso cinque giornate all'interno del servizio di Strada del Fortino, gestito dalla Cooperativa Animazione Valdocco, partecipando alle attività insieme agli ospiti della struttura. La prima fase di conoscenza reciproca, interazione e socializzazione tra ragazzi ed utenti, prevedeva l'individuazione delle tematiche sulle quali impostare il progetto creativo. Un ulteriore contributo per l'analisi del contesto, è stato fornito il giorno seguente da Massimo Bazzoni, proveniente dal centro AISM di Padova. Massimo ha presentato insieme alla moglie ed alla figlia il progetto relativo le modifiche strutturali apportate alla propria casa, ideate proprio in funzione della sua progressiva perdita di autonomia. Nel corso dell'incontro sono state esaminate molte problematiche relative all'autosufficienza ed il movimento in ambito domestico e gli stessi ospiti del Centro Diurno hanno preso parte al dibattito illustrando le proprie situazioni abitative. Dopo la fase di macro analisi, gli studenti hanno lavorato in gruppi con gli ospiti del centro, individuando temi specifici sui quali lavorare ed arrivando a progettare e realizzare concretamente l'ausilio. Dalla progettazione grafica gli studenti sono passati infatti alla realizzazione di un prototipo in cartone e plastica di un tavolino da integrare a differenti modelli di sedie a rotelle e volto a fungere come sostegno e porta oggetti, presentato nella giornata di venerdì 6 presso il Politecnico di Torino. Il percorso presso il Centro AISM si è configurato come un vero e proprio ‘viaggio' artistico ed esperienziale attraverso il mondo della disabilità motoria. Il workshop ha permesso agli studenti di affrontare esperienze laboratoriali in gruppo con destinazione ultima il tentativo di soddisfare il bisogno concreto del singolo: l'esperienza è stata presentata dagli studenti con la partecipazione di Andrea Vairo ed Enrico Giunta, educatori del centro che hanno supportato e aiutato i ragazzi nel corso della settimana.

 

A- A A+

Social Network

FacebookMySpaceTwitterLinkedInRSS Feed

Area soci

area soci valdocco

Collabora

collabora

Gruppo LaValdocco

gruppo la valdocco